Comitato Pendolari Sicilia: lettera aperta all'Assessore alla Mobilità


Al Sig. Assessore Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità 
segreteriaandreavecchio@gmail.com
gabinetto.infrastrutture@regione.sicilia.it
Al Dirigente Generale alle Infrastrutture e alla Mobilità 
dipartimento.infrastrutture@regione.sicilia.it

Egregio sig. Assessore,
ci congratuliamo per la sua recente nomina ad assessore regionale alle infrastrutture e alla mobilità.
Con la presente cogliamo l’occasione per augurarle buon lavoro, anche se avrà poco tempo disponibile per poter realizzare interventi di una certa levatura riguardo alle infrastrutture mentre per la mobilità speriamo in un suo positivo e celere intervento.
Quale coordinatore dei pendolari siciliani, ho il piacere di rappresentarle l’importanza strategica del trasporto pubblico ferroviario in una regione come la Sicilia e, la necessità di portare avanti politiche sempre più incisive per favorirne lo sviluppo.
Il Contratto di Servizio per il trasporto ferroviario che, in tutte le regioni italiane è stato sottoscritto il 7 settembre 2009, in Sicilia è ancora in via di definizione al Dipartimento Trasporti della regione.
Il Contratto di Servizio, che la Regione Siciliana non ha ancora stipulato, deve essere e diventare uno strumento importante e valido per porre, finalmente, le basi per un trasporto ferroviario che dovrà tenere conto della mobilità sostenibile e delle esigenze di quelle fasce di utenti che hanno fatto del trasporto ferroviario il mezzo per i propri spostamenti.
Desidero mettere in rilievo come gli utenti del trasporto ferroviario, si basino sull’orario di trasporto per effettuare scelte non solo di viaggio, ma di vita, arrivando ad organizzare i ritmi del lavoro in base all’offerta di trasporto ferroviario, quindi è necessario che tale orario venga rispettato con il massimo rigore, e che inoltre tutte le variazioni stagionali ed annuali vengano concordate in modo da evitare eccessivi sconvolgimenti all’utenza.
Occorre ottimizzare gli orari, le fermate e le percorrenze tra i treni in esercizio della lunga percorrenza con i treni della direzione regionale essendo da gennaio di quest’anno un’unica Direzione.
Premesso che:
  • il diritto alla continuità territoriale si colloca nell'ambito della garanzia, dell'uguaglianza dei cittadini e della coesione di natura economica e sociale e che deve tradursi nella capacità di garantire un servizio di trasporto che non penalizzi cittadini residenti in territori meno favoriti;
  • il servizio di trasporto è un servizio di interesse economico generale e si configura come elemento essenziale del diritto alla mobilità sancito dall'articolo 16 della Costituzione.
Queste a parer mio sono le prime cose che dovranno essere messe in atto per far uscire Trenitalia da quel ruolo di egemonia del servizio di trasporto pubblico ferroviario offerto in maniera esclusiva e tra l’altro regolamentato da un contratto di servizio, allo stato attuale, con il Ministero del Tesoro; considerato che in Sicilia Trenitalia è controllore di se stessa, non avendo il Dipartimento trasporti nessun potere di controllo sul contratto di servizio tra Ministero del Tesoro e Trenitalia e quindi sull’operato della stessa.
Certo di poter programmare un incontro, nel più breve tempo possibile, con la S.V. Ill.ma e in attesa di un sollecito riscontro, cogliamo l’occasione porgere cordiali saluti.
Giosuè Malaponti - Coordinatore Comitato Pendolari Siciliani

 
 
 
 
Powered by DiBi Studio | Tutti i diritti riservati | portaledeinebrodi@gmail.com