Borghi rurali dei Nebrodi nel progetto regionale "la via dei borghi

Borgo Salvatore Giuliano, a San Teodoro (ME)
“La Via dei borghi” è la via tracciata dalla Regione Siciliana che unisce idealmente e mette in rete i borghi rurali costruiti durante l’epoca fascista dall’Ente di colonizzazione del latifondo siciliano e, negli anni cinquanta, dall’ente per la Riforma agraria. Attualmente non valorizzati, vivranno nuova vita con la previsione di strutture ricettive, stazioni di sosta e di ricovero animali, locali per esposizioni e vendita, attività didattiche e promozionali. Una via da percorrere a cavallo, in bicicletta, a piedi.
I borghi rurali ricadenti nel territorio dei Nebrodi e che faranno parte del progetto sono Borgo Salvatore Giuliano e Borgo Schisina.
Borgo Salvatore Giuliano si trova lungo la statale 120 tra Troina e Cesarò, in un comprensorio a vocazione agricola e zootecnica, ricco di aziende zootecniche e agrituristiche, ma molto vicino alla zona boschiva del Parco dei Nebrodi, al Parco fluviale dell’Alcantara, al Parco dell’Etna, alla Riserva naturale del Bosco di Malabotta e alle importanti vestigia arabo-normanne sui fiumi Simeto e Troina. Queste caratteristiche lo rendono idoneo per il turismo verde, con i percorsi dei sentieri del Parco e delle trazzere, una delle quali collega il borgo con il centro abitato. Il progetto mira al recupero di una parte del borgo per la fruizione di attività artistico-culturali contemporanee legate alla promozione del territorio. Nel suo ambito è prevista la programmazione delle attività del corpo bandistico di San Teodoro,  “Associazione Musicale Santeodorese”. Due edifici avranno la funzione di centro polifunzionale per sviluppare la scuola del gusto e gli itinerari dei sapori, un modo di coniugare le arti della cucina e della valorizzazione del territorio. Vi si svolgerà l’attività didattica, convegnistica e divulgativa, estesa al settore dell’educazione alimentare, e alla promozione e alla conoscenza dei prodotti tipici del bosco (erbe aromatiche e medicinali, funghi, asparagi etc.) in sinergia con le altre iniziative turistico-culturali dell’area, in particolar modo con il Parco dei Nebrodi, creando punti di informazione e centri per attività di marketing e di commercializzazione. Inoltre, le strutture del borgo sono già idonee a costituire un punto di sosta di ippovie e greenways.
Borgo Schisina è posto a quota 800 m lungo la S.S. 185 sul versante sud del monte Trefinaite, al confine tra i Nebrodi e i Peloritani, in una collocazione facilmente raggiungibile dal Distretto turistico Taormina - Etna e da quello naturalistico Parco dell’Etna - Parco fluviale dell’Alcantara - Parco dei Nebrodi - Riserva di monte Scuderi (Peloritani), dai quali dista meno di 30 chilometri, nei quali è possibile trovare prodotti tipici di rinomata qualità e utilizzare la rete di sentieri, trazzere, fiumi per le attività a cavallo, con MTB, trial, orienteering, rafting e altre attività turistico-sportive. Trattandosi di un borgo con 11 edifici, che negli anni ’50 è stato trasformato in colonia estiva, si presta facilmente ad essere adattato ad una destinazione congiunta per realizzarvi un centro da destinare all’accoglienza di giovani, figli di italiani all’estero, per attività congiunte di scambio culturale e di promozione del territorio con le comunità di origine italiana sparse nel mondo, associato ad un polo congressuale e di studi (summer school), da affidare ad operatori pubblici (sono recenti le richieste in tal senso del Conservatorio di Musica V. Bellini e dell’Università Kore di Enna). Altri edifici consentono di disporre di strutture per la promozione delle attività sportive (ippovia e greenways) e dei prodotti della zona.
Potenzialmente, il borgo può essere collegato al recupero delle vicine case coloniche abbandonate e non riscattate dagli assegnatari (148 quelle costruite nei borghi Morfia, Malfitano, Pietrapizzuta, Piano Torre e San Giovanni) che potrebbero diventare alloggi per i congressisti e per studenti.

 
 
 
 
Powered by DiBi Studio | Tutti i diritti riservati | portaledeinebrodi@gmail.com