Sant'Agata Militello: spettacolo per ricordare vittime della mafia

Gli studenti dell'Istituto Tecnico Industriale ITIS E. Torricelli di Sant'Agata Militello hanno presentato uno spettacolo teatrale per ricordare le vittime di Mafia per l'anniversario della strage di Capaci. La mattina dello scorso Martedì 24 Maggio 2011, al teatro comunale Aurora, i giovani attori hanno messo in scena “Antigone delle città”, spettacolo teatrale scritto e diretto dalla prof. Mariangela Gallo. Il cine-teatro Aurora era gremito da un folto pubblico di studenti e di società civile, alla presenza delle autorità civili e militari.
Una performance che ha dimostrato la capacità della scuola di interagire con i temi sociali e nello stesso tempo scoprire metodi nuovi di educazione alla legalità e di approfondimento della comunicazione umana. “Un'esperienza indimenticabile, che ci illuminerà un futuro diverso”, ha detto uno dei ragazzi del gruppo che ha frequentato il laboratorio “Vento della Speranza”, che da anni affronta tematiche del teatro civile e di protesta.
Un messaggio forte alla società di oggi, tanto distratta e che tende a dimenticare il sacrificio di tanti servitori dello Stato e di tante vittime innocenti del crimine organizzato: “mai più!”.

Sul palco sono saliti 38 giovani attori e ballerini. Uno spettacolo multimediale che, oltre alla recitazione e al mimo, ha messo in campo le capacità di canto e danza, video e cinema, coreografie e musiche.

“E' stato un lavoro che ha impegnato per oltre 6 mesi il gruppo di giovani che ha aderito al laboratorio “Vento della Speranza”. Un'attività a livello professionale che ha dato un risultato eccellente”, ha detto la dirigente scolastica dell'ITIS, prof.ssa Rosalia Lanza. Il sindaco di Sant'Agata, dott. Bruno Mancuso, ha elogiato la capacità e professionalità dei giovani studenti, ringraziando gli insegnanti che hanno curato il lavoro artistico per la serietà e caparbietà.
La prof.ssa Gallo, autrice e regista dello spettacolo, ha spiegato che “il teatro ha un ruolo fondamentale nell'insegnamento di materie umanistiche, come italiano e storia, ma soprattutto è un metodo educativo e d'istruzione civica di prim'ordine, perché rende i giovani protagonisti e creativi, mettendo in risalto le loro capacità di immedesimazione e straniamento; due stati d'animo che apparentemente sembrano contraddittori, ma che in realtà si sono profusi in un metodo e una scuola, quella del teatro dell'oppresso, che ha dato risultati eccellenti in molte realtà internazionali”.

Alla realizzazione dello spettacolo hanno collaborato gli insegnanti: Pino Cappello per la musica dal vivo, Giusy Liotta, Lina Ricciardello, Enza Russo. La danza è del corpo di ballo Dance-Studio di Daniela Alberto. Aiuto regista: Rosangela Gerbino.

Attori e attrici: Francesca Belbruno, Rosario Catalano, Emanuele Carrocetto, Alberto Cuffari, Michele Di Dio, Susanna Di Maggio, Barbara Di Nardo, Michela Fiducia, Alessandro Foti, Antonio Galati, Daniel Gallarizzo, Simona Gerbino, Lorenzo Giuffrida, Giuseppe Lenzo, Mariarosa Mancuso, Salvatore Merlo, Sara Monastra, Chantal Miceli, Noemi Naso, Pamela Pizzino, Kamel Ray, Benedetto Ziino. Con la partecipazione della piccola Chiara Lorenzo Zenone.

Il corpo di ballo: Federica Di Piazza, Sonia Di Stefano, Erika Fabio, Melissa latino, Fabiola Lombardo, Chiara Lo Vano, Luisa Mondello, Jessica Monici, Margoth Nicosia, Simona Ravì Pinto, Carmen Vulcano, Veronica Zingales Botta.Supporto tecnico: Attilio Cusmà, Alberto Morelli, Simone Vasi, Oscar vento.
Service audio e luci: Arka di Antonio Barone.

Gruppo Comunicazione Laboratorio “Vento della Speranza” ITIS “E. Torricelli” Sant'Agata

 
 
 
 
Powered by DiBi Studio | Tutti i diritti riservati | portaledeinebrodi@gmail.com